Prostata alimenti: cosa puoi mangiare e cosa non devi mangiare

Gli alimenti che aiutano e quelli che danneggiano la prostata, il decalogo della Società Italiana di Urologia

peperoncino-home.jpg


Il peperoncino, considerato da sempre un afrodisiaco, rientra tra gli alimenti dannosi per la prostata, con possibili ripercussioni anche sulle sfera sessuale.


Tra gli altri alimenti dannosi per la prostata troviamo: la birra, i crostacei (altro alimento noto per le sue proprietà afrodisiache), spezie, insaccati, pepe, superalcolici e caffé. Sono infatti i cibi, di cui non abusare, contenuti nel decalogo messo a punto dalla Società italiana di urologia (Siu) in occasione della giornata europea di informazioni sulle malattie prostatiche. Il decalogo punta a essere una vera e propria dichiarazione di guerra al tumore alla prostata. 

Vincenzo Mirone, presidente del Siu, a margine dell'incontro, spiega che a rendere peperoncino, birra, crostacei e altri alimenti 'nemici' della prostata "è quello stesso elemento che li rende noti come afrodisiaci. Questi cibi, infatti, irritano la prostata, stimolando la necessità di eiaculare".


Il peperoncino non va consumato più di due volte a settimana. Il decalogo raccomanda di consumare più cibi contenenti sostanze antiossidanti, ovvero ricchi di vitamine A, C, E, selenio, zinco e manganese: carote, broccoli, cavolfiori, peperoni, noci, carni rosse, fegato e cereali integrali, bere almeno due litri di acqua al giorno per ridurre il peso specifico delle urine ed evitare infezioni.


LINK UTILI:
Cancro alla prostata: sesso anche dopo l'operazione con la chirurgia robotica.


Tumore alla prostata: gli Omega 3 riducono la velocità di crescita.


E' una mummia il primo paziente morto per un tumore alla prostata. E' avvenuto 2.250 anni fa.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO